Zak McKracken And The Alien Mindbenders

Distribuzione

Informazioni sintetiche
  • Distributore in Italia: U.S. Gold & Leader
  • Piattaforma: Commodore 64, Amiga, MS-DOS, Atari ST
  • Anno di pubblicazione: 1988
  • Prima edizione italiana: 1989
  • Lingua: italiano (sottotitoli)
  • Supporti: floppy disk

Zak McKracken And The Alien Mindbenders, la seconda avventura grafica della Lucasfilm Games, compare nel 1988 disponibile per Commodore 64 e PC nella versione a 8 bit con grafica in bassa risoluzione. Nel 1989, insieme a Maniac Mansion, viene realizzata la cosiddetta enhanced version per sistemi a 16 bit e pubblicata su PC, Atari ST e Amiga. Questa versione con gli anni è divenuta la più nota per via della grafica migliorata.

Menzione d'onore spetta all'edizione per FM-Towns che presenta grafica ridisegnata in VGA con 256 colori e colonna sonora digitale. Uscita esclusivamente su CD in Giappone nel 1991, questa versione è inedita in Italia, motivo per cui tempo addietro ci siamo prodigati di convertirla in italiano per conto di Underground Studio Translations.

In Italia Zak McKracken arriva nel 1989 grazie alla cooperazione tra U.S. Gold e Leader ed è localizzato nelle versioni per Commodore 64, PC, Amiga e Atari ST, quest'ultime tre sono in versione enhanced. La versione a 8 bit per PC compare non localizzata all'interno di una collezione distribuita da C.T.O. all'inizio degli anni Novanta.

Versione PC

La prima e unica edizione PC di Zak McKracken che arriva in Italia è sostanzialmente identica a quella originale americana. La scatola è rimasta in inglese, ma sul retro è stato applicato un adesivo circolare con la descrizione del gioco in italiano. La confezione di cartoncino leggero, e quindi facilmente deteriorabile, è sostenuta da un supporto in plastica trasparente nel quale alloggiare i vari floppy. Al suo interno il manuale, il National Inquisitor, il foglio con i codici antipirateria e l'etichette sui dischetti sono in inglese. Sempre dall'edizione inglese provengono l'avviso (gentilmente fornito da Dario) sul giusto utilizzo dei dischetti e il foglietto promozionale (che pare essere incluso solo in questa edizione di Zak McKracken). Il gioco è sottotitolato in italiano ed il manuale è stato sommariamente tradotto su un foglietto a parte.

Il software risiede in tre floppy disk da 5,25 pollici da 360 kb di capacità e in due floppy disk da 3,5 pollici da 720 kB presenti nella stessa confezione.

  • Copertina fronteScatola (fronte)
  • Copertina retroScatola (retro)
  • Istruzioni fronteFoglio di istruzioni (fronte)
  • Istruzioni retroFoglio di istruzioni (retro)
  • Manuale fronteManuale (fronte)
  • Manuale retroManuale (retro)
  • CodiciCodici antipirateria
  • GiornaleThe National Inquisitor
  • AvvisoAvviso
  • PromozioneFoglietto promozionale
  • supportoSupporto in plastica
  • FloppyFloppy da 5,25"
  • FloppyFloppy da 3,5"

Versione Commodore 64

L'edizione di Zak McKracken per Commodore 64 presenta notevoli differenze rispetto all'edizione per PC, e non solo a livello di confezione. In primo luogo, il software contenuto nei dischetti è relativo alla versione a 8 bit del gioco (del quale si presentano alcune immagini). La confezione è molto simile a quella originale americana; il retro della scatola riporta tre immagini del gioco a 8 bit a differenza delle altre edizioni a 16 bit e il manuale è lievemente differente: parte del titolo in copertina è scritto di nero (mentre nelle altre versioni colorato di bianco); il testo contenuto è riferito all'edizione di appartenenza; il retro del manuale riporta, in basso a destra, un codice diverso. Le difformità non si esauriscono qui giacché, da un semplice confronto fra le versioni PC e Commodore 64 italiane, salta subito all'occhio l'assenza dell'adesivo blu dal retro della scatola di quest'ultima che, peraltro, ha l'etichetta coi requisiti sulla parte frontale leggermente diversa anche dall'edizione americana (nella fattispecie, quella italiana è decorata da una cornicetta bianca). Riguardo gli altri contenuti non ci sono differenze con la versione PC italiana mostrata sopra, anche in questa si trovano il The National Inquisitor, il foglietto con la traduzione del manuale, i codici antipirateria e il supporto di plastica in cui alloggiare i dischetti.

  • Copertina fronteScatola (fronte)
  • Copertina retroScatola (retro)
  • Manuale fronteManuale (fronte)
  • Manuale retroManuale (retro)
  • Istruzioni fronteFoglio delle istruzioni
  • CodiciCodici antipirateria
  • FloppyFloppy da 5,25"

Versione Amiga

La versione per Amiga di Zak McKracken è anch'essa pressappoco identica a quella originale americana. Come per la versione PC italiana, sul retro della scatola è stato applicato l'adesivo circolare azzurro, la traduzione del manuale è su foglietto a parte e il gioco è localizzato nella nostra lingua; i restanti contenuti — manuale, The National Inquisitor e codici antipirateria — rimangono in inglese. Le differenze con la versione PC suddetta stanno nel numero dei floppy, due da 3,5 pollici per l'edizione Amiga, e nell'etichetta sulla parte frontale della scatola (identica a quella originale americana). La copertina del manuale è uguale a quella dell'edizione PC, il testo contenuto si riferisce specificamente all'edizione Amiga e sul retro compare la pubblicit di un gioco coevo di Zak McKracken, vale a dire Battlehawks 1942 (l'aspetto generale non si discosta molto dal retro del Libro degli indizi mostrato più avanti). Sebbene le edizioni per Amiga che abbiamo potuto visionare non includessero il supporto in plastica presente in tutte le altre, pare assai improbabile che soltanto nella versione Amiga questo non fosse presente. Ringraziamo Ravestar per aver fornito le immagini che seguono.

  • Copertina fronteScatola (fronte)
  • Copertina retroScatola (retro)
  • Manuale fronteManuale (fronte)
  • Manuale retroManuale (retro)
  • Istruzioni fronteFoglio delle istruzioni
  • CodiciCodici antipirateria
  • FloppyFloppy da 3,5" (fronte)
  • FloppyFloppy da 3,5" (retro)

Versione Atari ST

Nuovamente sulla base della rispettiva confezione originale americana, la versione italiana di Zak McKracken per Atari ST presenta l'adesivo circolare azzurro sul retro della scatola e il manuale tradotto su foglio a sé stante. Il manuale è a prima vista identico a quello contenuto nell'edizione per Amiga, differisce solo il codice sul retro. I floppy disk sono a singola densità (con una capacità quindi di 360 kB) e ciò spiega perché quest'edizione che, a livello del software è pressappoco identica alle versioni PC e Amiga, ne contiene tre anziché due. Gli altri contenuti, non mostrati nelle immagini successive, sono identici a quelli già visti nelle foto dell'edizione PC: stiamo ovviamente parlando del The National Inquisitor, dei codici antipirateria e del supporto di plastica. Si ringrazia Andedo per aver inviato le immagini.

  • Copertina fronteScatola (fronte)
  • Copertina retroScatola (retro)
  • Manuale fronteManuale (fronte)
  • Manuale retroManuale (retro)
  • Istruzioni fronteFoglio delle istruzioni
  • FloppyFloppy da 3,5" (fronte)
  • FloppyFloppy da 3,5" (retro)

Collezione Philips by C.T.O.

Questa curiosa antologia raggruppa sei videogiochi dell'allora Lucasfilm Games, tra i quali è compresa la prima versione a 8 bit di Zak McKracken per PC. Ne parliamo più diffusamente nella relativa scheda.

Libro degli indizi

Si riportano due immagini del Libro degli indizi americano che poteva essere acquistato a parte, ma che a volte era incluso in alcune confezioni. Anche se non abbiamo prove certe, sentiamo di escludere che in Italia la Leader ne abbia distribuito una sua traduzione.

  • HintbookHintbook (fronte)
  • HintbookHintbook(retro)

Curiosità

È stato difficile verificare se effettivamente fosse stata la Leader ad occuparsi della distribuzione e della cattiva localizzazione in italiano. Non c'è traccia del logo Leader o di qualsiasi altro segno sul foglietto di istruzioni, né sui floppy, tantomeno sulla scatola che è sostanzialmente quella originale americana. Un articolo proveniente da una rivista dell'epoca, la Commodore Gazzette numero 4 del 1989, ci dà alcune informazioni interessanti sull'importazione del gioco (e di Indiana Jones And The Last Crusade e di Loom) per mano della U.S. Gold di Geoff Brown in cooperazione con Leader.

All'epoca, la cattiva qualità della traduzione del gioco (ma anche del manuale) non sfugge ai redattori della Commodore Gazzette, che scrivono:

Si è parlato anche dei giochi tradotti in italiano, e Brown si è dichiarato convinto che la strada intrapresa con la versione in italiano di Zak McKracken and the Alien Mindbenders sia da seguire fino in fondo. Peccato che la qualità dell'italiano, almeno fino a questo momento, sia al di sotto del livello minimo di dignità; c'è da sperare che il pubblico risponda positivamente e che le traduzioni in futuro vengano affidate a traduttori professionisti, anche se questo dovesse costare qualche sterlina in più.

Circola una «leggenda metropolitana» che afferma l'esistenza di una versione del gioco per Commodore 64 con manuale tradotto in italiano (quindi senza il fogliettino) e del National Inquisitor; è superfluo dire che non se n'è mai trovata traccia. Esiste però una versione del giornale tradotta in italiano, a corredo della nostra conversione FM-Towns, rilasciata da Underground Studio Translations.

Riportiamo un'ultima curiosità riguardante più la versione statunitense che quella italiana del gioco. Come notato da alcuni collezionisti sul forum del LucasArts Museum, di Zak McKracken per PC circolano due edizioni scatolate apparentemente identiche. La prima riporta che il quantitativo di ram richiesta dal gioco è 256 kB, la seconda invece 384 kB; da ciò deriva il loro nome, rispettivamente 256k version e 384k version. Con tutta evidenza, le due versioni sono rispettivamente la prima con grafica a 8 bit e la enhanced version per i sistemi a 16 bit e differiscono l'una dall'altra per il numero dei floppy: la 256k version ha due floppy da 5,25" e un solo floppy da 3,5", mentre la 384k version ha tre floppy da 5,25" e due da 3,5".

A livello collezionistico la versione 256k pare essere quella meno rara, a fronte dell'introvabile 384k version e qui torniamo a parlare di cose che ci interessano: dal momento che la versione per PC a 8 bit di Zak McKracken non è mai stata importata, quella italiana è la 384k, come si nota facilmente anche sull'etichetta contenente i requisiti sulla parte frontale della scatola.