Informazioni

Mi sono sempre chiesto il motivo, soprattutto quale fosse l'utilità, di avere una pagina delle informazioni per un sito microscopico come questo, anche se in generale me lo chiedo pure per siti molto più grandi. Per quanto mi riguarda la ragione è tra le più bieche possibili: nella sidebar mancano bottoni! Non c'è niente di peggio che avere una sidebar con pochi bottoni, è straziante non avere contenuti da offrire. Con una superflua pagina delle informazioni aggiungo un bel bottone alla sidebar, ma non solo, applico le buone regole del SEO che indicano chiaramente che ogni buon sito, come questo del resto, è consigliabile che abbia una paginetta in cui si danno informazioni generiche. Quindi, poniamo subito un bell'avviso: questa pagina è inutile, se sei uno di quei tipi sempre di corsa con i secondi contati smetti di leggere, altrimenti arrivato alla fine ti arrabbierai molto con me per averti fatto perdere tempo; se sei uno di quei cazzoni perdigiorno, e quindi probabilmente comunista, continua pure.

Una storia che non importa leggere

Culo me
L'autore alla fermata
del tram

-::Gharlic Heimli::- è un sito personale, e come tale non soggetto a scadenze da rispettare, che raccoglie non molto della roba che mi piace e mi interessa condividere. Nasce nel 2003 quando avere un sito era ancora motivo di vanteria nei confronti degli amici1 perché significava esserselo fatti da soli, con il malefico Frontpage e in barba ad ogni standard di sviluppo del web. Non era come adesso; ora son tutti bravi ad andare su Blogspot o Wordpress, farsi il proprio blogghettino e scrivere centinaia di contributi al mese fino allo scemare della foga2.

Il sito era hostato da Xoom.it, che offriva spazio gratis ai suoi iscritti, ed è rimasto parcheggiato lì, e praticamente inutilizzato, fino al 2007 inoltrato, anno in cui mi sono deciso di salvarlo dal sicuro oblio ribattezzandolo Ye Olde Gharlic Heimli (e schiaffandolo qui successivamente). Nel frattempo su Lycos spunta fuori il primo vero e proprio -::Gharlic Heimli::-, che presto si trasferisce su Altervista. -::Gharlic Heimli 1.0::- nasce per rispettare il maledetto regolamento di Altervista che vieta di registrare spazio web senza realizzare un sito3. Quindi tirato fuori il fido Frontpage, che al momento era arrivato alla sesta ed ultima versione, mi misi al riparo dalla legge. In pratica quello che c'era lì è quanto trovate qua, solo riscritto in un italiano comprensibile e con un look tale da non provocare maculopatie, glaucomi, epilessie, morte4.

Col passare degli anni si abbandona Frontpage, si inizia a rispettare gli standard del W3C, ad appoggiarsi ai fogli di stile e al PHP. In definitiva questo sito è più un laboratorio in cui testare le cose che imparo su linguaggi di programmazione web5 che un contenitore di roba da leggere.

Sul lato contenutistico tendo a creare contenuti che reputo indispensabili per poter tirare avanti in questi anni bui, l'uomo del 2000 ancora non viaggia su macchine volanti equipaggiate di pistole laser, quindi è il solito piccolo essere indifeso proveniente dal vituperato Novecento. Una bella storia su cosa fosse Inki e una pagina con la mia collezione di videogiochi ritengo siano indispensabili per garantirsi una serena esistenza6 e molti figli maschi7. Il museo delle avventure LucasArts è più che altro un escamotage per portare qualche visitatore su queste lande desolate che altrimenti rimarrebbero desolate8.

Ogni giorno che passa mi prometto di scrivere e realizzare cose nuove, sempre per aggiungere bottoni alla sidebar, ma forse anche per guadagnarmi il Nobel per la letteratura che credo di meritare. La cosa che mi frena è la scarsa voglia, il fatto che tra il dire e il fare ci sia di mezzo il mare e perché mi piace di più star fuori casa che di fronte al PC.

Concludo questa inutile accozzaglia di vocaboli ricordando di firmare il guestbook... ah no, quello stava sul vecchio sito, su questo non ce l'ho messo... bè allora non vi ricordo proprio nulla.

Note


1 Anche le donne andavano matte per gli uomini che avevano un sito nel 2003. Adesso tendono a non notarle più queste cose.
2 Che, in genere, ha il suo picco massimo la prima settimana dopo l'apertura del blog e termina del tutto nel giro di venti giorni.
3 Ricordarsi di leggere bene i regolamenti dovrebbe essere una buona abitudine.
4 Ancora non riesco a capacitarmi di come una persona sana di mente abbia potuto scrivere in nero su sfondo celeste, e quanto andasse fiera per questo.
5 Adesso so far apparire l'ora in una pagina web e impostare un div a sinistra con l'attributo float: left;.
6 Se il futuro sarà orribile come me lo immagino, della nostra era resteranno solo topi, scarafaggi e questo sito.
7 È stato appurato che dette pagine abbiano effetti afrodisiaci.
8 Per quanto non riesca a capire il percénon sia Inki la star di questo sito. Che c'avranno di bello questi videogiochi?